LAZARA

| Le opere

| L’arte

| i quadri

LAZARA

Lazara, pseudonimo dato dalle iniziali di nome e cognome, piemontese di nascita, romana d’adozione, comincia a disegnare per caso frequentando un corso di figurino di moda, seguono altri corsi, decorazione, finto marmo, trompleoil, e le varie tecniche pittoriche, fino all’approccio col fantastico mondo dell’illustrazione.

La magia dei colori la affascina da sempre, la sensibilità del tatto la cattura, sperimentando via via opere sempre più materiche e “vestite”. Monili, stoffe, carta, texture, tutto sembra avere un posto nel microcosmo della tela, dove cuore, leggerezza e ironia si fondono e prendono vita in donne fiere e sensuali, boschi incantati e fiori che parlano di primavera.

Nella poetica e nella sensibilità artistica di Lazara tutto sembra così essere al posto giusto, la sua inclinazione all’arte decorativa, fa delle sue opere d’arte dei piccoli gioielli di arredamento, lì dove la creatività va di pari passo con la manualità in un concetto ed una filosofia che viaggia fra arte ed artigianato con un gran senso del buon gusto , cosicché anche una copia d’autore assume un nuovo aspetto con applicazioni di materiali di riciclo, che donano all’opera un nuovo aspetto più contemporaneo e più vicino ai nostri giorni.

Il mondo di Lazara è un mondo pieno di colori, di forme azzardate che trovano un loro equilibrio e forma nella completezza dell’opera stessa. A volte l’arte di Lazara sembra quasi sognante, un gioco infinito dal quale non vorresti mai uscire.